Il continuo degrado del sottopassaggio carrabile e pedonale di Santa Maria degli Angeli.

Il sottopassaggio carrabile della frazione di Santa Maria degli Angeli di Assisi rappresenta una delle opere strategiche di rilievo per la viabilità cittadina.

L’opera iniziata nel 2009 ed inaugurata il 10 Marzo 2010, è stata realizzata da Rete Ferroviaria Italiana (RFI) con l’intervento del Comune di Assisi che ne ha finanziato circa il 40% della spesa complessiva, pari ad 1,2 milioni di euro.

L’importo totale dell’investimento pari a circa 3 milioni di euro ha permesso di eliminare il passaggio a livello esistente tra la centralissima Via Patrono D’Italia e la confinante Via Carducci, nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria posta lungo il tratto di linea Foligno-Terontola.

Quello che vediamo nella foto è l’altrettanto importante sottopasso pedonale realizzato in momento successivo che permette di attraversare la rete ferroviaria in assoluta sicurezza.

Il sottopasso pedonale è un’opera che prevede naturalmente anche l’abbattimento delle barriere architettoniche grazie alla realizzazione di due rampe laterali attraverso le quali è possibile raggiungere la vicinissima Basilica Papale e la Porziuncola.

Con il passere degli anni, purtroppo, si è assistito ad un progressivo ammaloramento dell’intera struttura. Dapprima il sottopassaggio carrabile, che nel corso del tempo è stato oggetto di incidenti, cedimenti e fenomeni infiltrativi.

Poi è toccato al sottopasso pedonale, altro luogo di scempio e di incuria, spesso vandalizzato e a volte anche pericoloso da attraversare, specialmente in solitudine.

Lo stato di degrado in cui versa l’intera struttura non rappresenta certo un bel biglietto da visita per i numerosi turisti che in situazioni di normalità visitano Assisi da ogni angolo del mondo.

Così pure gli atti di vandalismo e la pericolosità dell’aerea, che a ben vedere non sembrerebbe neanche videosorvegliata.

Confidiamo nell’immediato intervento da parte dell’Amministrazione Comunale affinché provveda al ripristino delle normali condizioni dell’intera struttura, e al potenziamento delle misure di controllo e sicurezza  del sottopassaggio attraversato ogni giorno da centinaia di turisti e residenti di Assisi (Patrizio Di Nola).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.